Fate il nostro gioco, libro di Paolo Canova e Diego Rizzuto (recensione)

On January 27, 2018

Fate il nostro gioco è un progetto di divulgazione matematica contro il gioco d'azzardo nato dalla collaborazione tra un matematico (Paolo Canova) e un fisico (Diego Rizzuto) torinesi.

L'idea originale era di divulgazione matematica, ovvero di sfruttare l'appeal del gioco d'azzardo per convincere il pubblico a sentirsi parlare di matematica e più specificatamente di probabilità. Col tempo però ha preso sempre più spazio il contenuto educativo sulla prevenzione del gioco d'azzardo, con grande attenzione anche ai meccanismi psicologici (oltre a quelli matematici) nascosti nei vari giochi d'azzardo, per attirare sempre più giocatori e far vincere sempre più il banco.

Fate il nostro gioco è molte cose: uno spettacolo teatrale (eseguito la prima volta a Torino il 13 gennaio 2011, e replicato circa 90 volte l'anno), una mostra che ricostruisce in piccolo un casinò dove si può giocare (per finta) e dove ci vengono spiegati i meccanismi matematici dei vari giochi, una serie di godibilissimi video su youtube e anche un libro.

Il mio primo approccio con Diego e Paolo è stato tramite i loro video su youtube. Ho poi visto uno spettacolo teatrale (con solo Diego) e letto il loro libro.

Lo spettacolo è molto bello e vi consiglio di andarlo a vedere, se è previsto vicino a voi (le date del tour sono tantissime, in tutta Italia),  e i video youtube meritano sicuramente la vostra attenzione, ma voglio parlare più in dettaglio del libro.

Gli argomenti trattati sono i più disparati: dalle videolottery ai gratta e vinci, dalle roulette al gioco del lotto, dal keno al blackjack, dal superenalotto ai suoi cugini oltreoceano. Ogni gioco d'azzardo è analizzato dal punto di vista matematico, è raccontato attraverso aneddoti e storie appassionanti, con riferimenti a letteratura, programmi televisivi e molto altro.

Di ogni gioco vengono raccontate le storie di chi ha vinto, ma soprattutto di come ha fatto a vincere in giochi che sembrano dominati solo dal caso. Fate il nostro gioco spiega che vincere è possibile, sì, ma solo se si posseggono doti veramente non comuni. Nella stragrande maggioranza dei casi bisogna arrendersi alla legge dei grandi numeri e alla speranza matematica (di perdita), che ci condanna a fare il gioco del banco.

Veramente interessante e spassosa la parte del libro dedicata a farci capire quanto davvero è improbabile fare 6 al superenalotto: più o meno che digitare un numero telefonico di Torino a caso e sentire rispondere Gianluigi Buffon? Più o meno che morire in un incidente stradale entro la fine dell'anno? Più o meno che la distruzione della vita sulla Terra ad opera di un asteroide nei prossimi 40 anni?

La probabilità di vincere al superenalotto è davvero bassissima, ci dicono Diego e Paolo... ma qualcuno vince! Certo, e allora eccoci raccontati molti divertenti aneddoti su cose totalmente improbabili, che però sono successe davvero! "Le cose molto improbabili accadono, ma puoi vivere pensando che non accadranno mai a te" è lo spassionato consiglio del duo torinese.

Il libro di Diego e Paolo è scritto in maniera accattivante ed è molto scorrevole. Si fa apprezzare dal lettore totalmente digiuno di matematica, ma è al contempo preciso e rigoroso. Personalmente, nonostante conoscessi buona parte di quanto raccontato in esso, ho divorato le duecento e passa pagine in meno di 24 ore, durante le vacanze di Pasqua. L'unico vero difetto è che è difficile decidere di posarlo e smettere di leggere.

Consigliatissimo!


Paolo Canova e Diego Rizzuto
Fate il nostro gioco
Gratta e vinci, azzardo e matematica
Editore: add editore
Anno edizione: 2016
Pagine: 256

Prezzo: 14,00 EUR

Prezzo e-book: 6,99 EUR

ISBN:  9788867831128
Compralo sul sito add editore
Compralo su Amazon


Per approfondire la tematica del gioco d'azzardo, segnalo anche il progetto betonmath del Politecnico di Milano. Anche questo progetto ha dato vita a un libro, tra i cui autori c'è il nostro Nicola Parolini.

Inoltre potete avere un breve assaggio di questi argomenti sul mio articolo apparso su Matematica, cultura e società dell'UMI ad agosto 2017.

Alberto Saracco

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

this site uses the awesome footnotes Plugin