Pin It

Esce per la prima volta in Italia, edita da Coconino Press-Fandango, una graphic novel di Marc-Antoine Mathieu. È un fumetto complesso, con elementi che toccano filosofia, arte, psicologia e matematica. Vi proponiamo una recensione di Roberto Natalini.

A Viareggio quest’anno c’è un carro dedicato alla teoria del caos

Attrattore di Lorenz (Fonte Wikipedia)

Ormai la teoria del caos e gli attrattori strani sono diventati parte integrale della cultura pop. La storia del battito d’ali della farfalla, il modello di Lorenz e il suo strano attrattore a forma di farfalla (all’inizio Lorenz parlava del battito d’ali di un gabbiano, ma poi l’attrattore somigliava ad una farfalla…) si ritrovano in un modo o nell’altro in tanti libri, film ed eventi a grande partecipazione popolare, da Jurassic Park al Carnevale di Viareggio di quest’anno.

Proprio a questo pensavo leggendo una delle ultime opere a fumetti di Marc-Antoine Mathieu, 60 anni fra pochi mesi, autore francese di fumetti, installazioni, scenografie, che finalmente comincia ad essere tradotto in Italia con Otto, l’uomo riscritto, uscito in Francia nel 2016, selezione ufficiale al Festival d’Angoulême 2017, ora pubblicato da Coconino Press-Fandango.

 

Un’immagine da Otto, l’uomo riscritto

Otto, il protagonista di questa storia, è un artista internazionale, famoso per le sue performances dal vivo a base di specchi e riflessioni in cui esprime una sorta di metafisica del doppio. E il racconto inizia da un momento di smarrimento dell’artista che subito dopo viene a sapere della morte dei genitori che non vedeva da anni. Oltre alla casa di famiglia, Otto riceve in eredità un baule che conserva la minuziosa registrazione — immagini, filmati, disegni, memorie di ogni singolo giorno — fatta dai suoi genitori, dei primi 7 anni della sua vita. Otto si isola allora dal mondo, deciso ad esplorare una volta per tutte l’origine dei suoi pensieri e delle sue ossessioni, scavando in profondità in un periodo fondamentale della vita in cui di solito tendiamo a dimenticare molte delle cose che ci accadono.

Illustrazione da una delle storie della serie di Julius-Corentin Acquefacque

E cosa c’entra la matematica? Mathieu è un autore che per la matematica ha una vera fissazione. L’opera per cui è più conosciuto in Francia, i 6 volumi della serie di Julius Corentin Acquefacques, è basata sui loop, i processi ricorsivi, i nastri di Moebius, le simmetrie e le rotture di simmetrie, i paradossi autoreferenziali. Il protagonista, il cui cognome rimanda a Kafka se letto al contrario, vive in una realtà assurda in cui i paradossi sono la regola.

Immagine da Otto, l’uomo riscritto

E anche in questa nuova opera, piano piano la complessità degli intrecci della vita di Otto, ogni singolo fatto, viene organizzata, da Otto e da Mathieu con lui, in un qualcosa che ha la forma di un attrattore strano, un oggetto complesso, ma in un certo senso matematicamente molto chiaro, anche sintetico, che descrive in modo spaziale la complessità di quello che ci accade.

In bilico tra caso e determinismo, ogni fenomeno accaduto nella sua infanzia ha spinto Otto ad essere quello che è, e presto questo viaggio nel suo personale passato gli appare anzi come una forma di alterazione e riscrittura del passato stesso. E in questa ulteriore interazione non lineare del tempo con se stesso, in una regressione fino alle origini della vista stessa, il percorso di Otto si snoda in una circolarità che mette in crisi il concetto stesso di libertà. Ma Mathieu è in grado di trovare una soluzione spettacolare (che non diremo) per chiudere brillantemente il cerchio (o il nastro?) della sua storia. Otto è una graphic novel molto particolare, disegnata con una tecnica che in Francia chiamano “all’italiana” (?) con due figure affiancate in ogni pagina. Ed è anche un testo molto concettuale, e pieno di interrogativi, che sono sicuro piacerà al lettore quadratico medio del nostro sito.

Roberto Natalini

Marc-Antoine Mathieu è uno dei più importanti autori del panorama contemporaneo. Esploratore di diverse forme artistiche, dalla scultura alla scenografia e all’installazione, con ogni sua opera a fumetti sfida le idee tradizionali della narrazione. Il suo universo narrativo, imbevuto di meditazioni filosofiche e delle ossessioni metafisiche di Kafka e Borges, è considerato rivoluzionario nel mondo dei fumetti, e lo ha portato ai più autorevoli riconoscimenti internazionali, tra i quali l’Alph-Art del festival di Angoulême per la serie Julius Corentin Acquefacques. Tra i suoi graphic novel Mémoire morte, Dieu en personne, 3 Secondes e il recente S.E.N.S.

Fumetti Coconino Press-Fandango
Marc-Antoine Mathieu
Otto – L’uomo riscritto
Divisione Coconino Warp
Pagine: 88, bianco, nero e grigio, formato 30 x 20 cm, cartonato
Prezzo: 20 euro
Uscita: Febbraio 2019
ISBN: 9788876184000

 

Leggi anche le prime 10 tavole su Fumettologica

Gallery di immagini da Otto, l’uomo riscritto

(clicca su una immagine per cominciare)

 

Pin It
this site uses the awesome footnotes Plugin