Pin It

Il mese scorso è stato assegnato il premio internazionale L’Oreal-UNESCO 2021 per le donne scienziate alla matematica argentina Alicia Dickenstein. Dickenstein è professoressa di matematica all’Università di Buenos Aires, e ricercatrice senior presso il National Council for Scientific and Technical Research (CONICET) del “Luis A. Santalo” Institute for Mathematical Research (IMAS, CONICET-UBA), e in passato è stata vice-presidente della International Mathematical Union. Ha ricevuto il premio “per i suoi eccezionali contributi ai confini dell’innovazione matematica avendo usato in modo efficace la geometrica algebrica per ricerche di biologia molecolare”. Alessandra Bernardi l’ha intervistata per noi. 

Alessandra: Grazie Alicia per aver accettato di farti intervistare.

Alicia: Dopo il premio ho rilasciato più di 60 interviste: per canali TV, radio, giornali… e ho ricevuto i complimenti dal Rettore della mia Università e dal Presidente dell’Argentina. Sono scioccati dal fatto che una matematica non sia così arida come immaginano, non rientro nei loro stereotipi… sono semplicemente troppo emotiva…

Alessandra: Si aspettavano una fredda matematica e invece hanno trovato una persona reale… Inizio questa intervista chiedendoti di spiegare in poche semplici parole qual è esattamente il tuo campo di competenza.

Alicia: È una domanda abbastanza difficile, ma cercherò di dire qualcosa che si possa intuire. Studio oggetti geometrici (come una palla, una mela, una pera, un cono… cose che vediamo), questi oggetti possono essere descritti da equazioni algebriche (quelle equazioni con X, Y, Z che non ci piacciono così tanto) ma le une rappresentano gli altri. Quello che cerchiamo di fare nel mio campo, che è la geometria algebrica, è usare questa manipolazione algebrica per comprendere gli oggetti geometrici e cerchiamo anche di usare l’intuizione geometrica per comprendere la struttura algebrica.

Alessandra: Il premio va a te, per il tuo contributo in geometria algebrica  e in alcune applicazioni. Pensi che queste siano davvero due discipline diverse o che ci sia qualche intersezione? Puoi spiegarci come nella tua ricerca questi due aspetti sono collegati?

Alicia: Penso che siano due aree diverse, ma oggigiorno ci sono molte interconnessioni tra diverse aree della matematica e diverse discipline. Ci stiamo muovendo verso questi collegamenti. Essenzialmente quello che ho fatto è stato di usare strumenti e strutture della geometria algebrica per studiare alcuni problemi applicati. Ad esempio, studio come si trasmette un segnale all’interno delle cellule. Esistono molti gruppi diversi in biologia molecolare e biochimica che si occupano di reti enzimatiche nelle cellule e le modellano. Noi guardiamo questi modelli di meccanismi apparentemente molto diversi e diciamo “Va bene se abbiamo reti con questa struttura, la geometria algebrica ci dice che hanno uno schema matematico comune. A questo punto possiamo astrarre e dimostrare teoremi validi su tutte queste reti diverse”. Abbiamo dato a questa struttura il nome di “MESSI”. Messi, lo saprete, è un calciatore argentino molto conosciuto. I nostri acronimi stanno per Modifications (M) of Enzymes (E) Substrates (S) Intermediates (I) ed eravamo così vicini che abbiamo aggiunto un’altra S che sta per Swap che poi abbiamo davvero usato.

Alessandra: Quanto è importante essere e fare comunità nella scienza?

Alicia: Penso che sia cruciale! Lo so molto bene perché sono stata molto sola e isolata nel mio paese: ero essenzialmente l’unica persona che lavorava nel mio settore nel raggio di migliaia di chilometri, ed era difficile per me trovare la direzione: dovevo costruire il percorso mentre stavo camminando. Ma, sai, penso che la scienza e la matematica in particolare siano una costruzione sociale. Ci sono geni che produrranno edifici o intere città, ma la maggior parte di noi ha semplicemente messo dei mattoni nel muro. Per mettere questi mattoni, dobbiamo sapere dove sono gli altri mattoni e se lavoriamo tutti insieme possiamo costruire un muro più grande. E forse abbiamo bisogno della calce che l’altra persona ha e può prestarci… Quindi penso che sia fondamentale lavorare in una comunità: è meglio per ognuno di noi ed è meglio per la matematica.

Alessandra: Il giorno in cui è stato annunciato il premio è una giornata estremamente significativa (si tratta della Giornata Internazionale delle donne e ragazze nella scienza, ndr) e tu sei fortemente impegnata a ridurre il divario di genere nella scienza. Quanto è grande questo divario secondo te oggigiorno? Pensi che siano ancora necessarie azioni specifiche?

Alicia: La situazione è molto migliorata rispetto al passato. Le ovvie discriminazioni non possono verificarsi perché le vediamo tutti. Ma in ogni caso, ci sono discriminazioni molto sottili e subdole. Non è qualcosa che decidiamo di fare, è nella mente degli uomini e delle donne. Ci sono pregiudizi sociali che dicono “la matematica non è femminile” e, forse con le migliori intenzioni: “questo non è per te, perché non fai qualcos’altro?”. Per me la cosa più importante da eliminare ora è l’autocensura nelle donne. Perché ti blocca anche se non te ne accorgi. Da una parte ci sono persone che effettivamente discriminano attivamente, ma penso che sia un problema di tutti, di qualsiasi genere… Ci sono convinzioni sociali che sono dentro di te. Non ti rendi nemmeno conto di averle, ma le donne sono bloccate da questi stereotipi e questo è uno dei problemi principali e difficili da risolvere. È una questione di coinvolgimento di tutta la società. Ovviamente ci sono misure particolari che devono essere prese, non so esattamente quali siano le misure giuste per cambiare la situazione e non esiste una risposta universale.

Alessandra: Pensi che ci siano aree di ricerca in cui è più importante agire?

Alicia: non lo so. A volte ci sono molte donne e non per buoni motivi. C’è un progetto molto interessante chiamato “Gender gap in science” (il divario di genere nella scienza). Hanno fatto uno studio interessante sulla percentuale di donne nei giornali su Zentralblatt (a questo link). La percentuale di donne nelle varie aree della matematica è molto diversa. Nelle riviste più importanti ci sono pochissime donne, e penso che ciò sia dovuto al fatto che queste riviste si concentrano principalmente su argomenti in cui ci sono pochissime donne che lavorano. Non è che abbiano una discriminazione nei confronti delle donne, ma le donne non mandano il loro articoli a quelle riviste perché, per qualche ragione, in quelle aree della matematica ci sono più maschi che in altre. Penso che sarebbe molto interessante fare uno studio più serio. Parlando di gare con poche donne, ad esempio, una cosa che funziona nel mio paese è permettere alle persone di partecipare a squadre, magari a coppie. Potrebbero essere uomini e donne o potrebbero essere uno o qualsiasi altra cosa, ma quando ti è permesso di partecipare, di collaborare con qualcuno, ci sono molte più donne. Quindi, non è necessario separare gli uni dagli altri, è solo consentito partecipare a squadre.

Alessandra: Penso di interpretare un sentimento comune dicendo che questo premio a te è una grande soddisfazione per tutte le matematiche donne. Puoi dire qualcosa su quelle del tuo paese?

Alicia: Sì, penso davvero che sia una soddisfazione per tutte le matematiche donne, ma penso anche che sia una soddisfazione per la matematica stessa. Questo premio è negli anni dispari per la matematica, la fisica, l’astrofisica e l’informatica, e negli anni pari è per le scienze della vita. È iniziato nel 1998. La prima volta che c’era un premio per la matematica era nell’edizione precedente, ma io sono la terza matematica e hanno iniziato nel 1998, quindi penso che sia molto positivo per la matematica. Spero che questo farà sì che più persone e in particolare più ragazze pensino di poter seguire questa strada con gioia.

Alessandra: Puoi darci qualche suggerimento per le giovani studentesse che vogliono intraprendere la strada della scienza? E anche per coloro che non considerano nemmeno la scienza una possibilità per il loro futuro.

Alicia: Direi a queste persone che è una possibilità per loro se lo fanno con entusiasmo, e in tal caso dovrebbero seguire la loro passione, non devono sentirsi bloccate da stereotipi sociali e pregiudizi. “Non farti fermare da te stessa. Non cercare di essere d’accordo con le aspettative sociali. Se pensi che la matematica potrebbe essere il tuo futuro, allora provaci! In un anno capirai se questo è il tuo posto oppure no. Se no… farai qualcos’altro. “

Alessandra: Ma cosa dici alle studentesse quando insegni?

Alicia: Non dico molto. Non ho mai pensato di essere un modello da seguire. Ho solo fatto a modo mio. Ho figli e nipoti e sono felice con loro. Sono riuscita ad avere la mia vita privata e socializzare abbastanza felicemente. Non dico molto. Penso solo a fare le cose. Ho avuto molti anni difficili perché quando sono nati i miei figli avevo appena concluso il dottorato. Il mio relatore aveva il cancro e io sono stata lasciata sola in mezzo al nulla, il gruppo si è sciolto ed ero qui senza soldi, senza visitatori, senza e-mail ed è stato difficile trovare la mia strada. E poi, mi ci sono voluti otto, nove anni… non era come ora … erano molti anni fa. A volte dico “Non pensare che se ti fermi per un po’ non arriverai mai, persevera e cerca di trovare la tua strada, forse dovrai aspettare, ma la troverai”. Penso che sia possibile.

Alessandra: Hai anche scritto dei libri di problemi di matematica per bambini, giusto? Ce ne puoi raccontare uno?

Alicia: Ho scritto il mio primo libro, quando i miei figli andavano alle elementari, si chiamava “Mate Max: la matemática en todas partes”. Quando ho deciso di scrivere il libro, mi ci è voluto un anno per raccoglier le cose che accadevano nella mia vita quotidiana, sui giornali, ecc… e poi decidere cosa scrivere, e poi mi ci è voluto un altro anno per scrivere. Questo è stato un momento molto felice: ho lavorato con insegnanti di scuola elementare e poi la casa editrice è fallita e poi un’altra società l’ha pubblicata ed è ancora in vendita, ma siamo stati molto contenti perché produciamo una versione bilingue: spagnolo e inglese. È stato pubblicato dalla American Mathematical Society lo scorso anno, il nome è ancora “Mate Max” e le foto sono quelle originali. L’ho tradotto in inglese con un mio amico: è un matematico e anche uno scrittore. È stato molto interessante perché dovevamo aggiornare il contesto dei problemi (quando li ho scritti non c’erano i cellulari per esempio…). Ma anche, quando abbiamo iniziato a tradurre in inglese a un certo punto abbiamo iniziato a usare traduttori automatici che funzionano molto bene, e quando la traduzione non era soddisfacente significava che forse era perché anche lo spagnolo il testo doveva essere migliorato. Abbiamo utilizzato la traduzione per migliorare sia l’inglese che lo spagnolo. È stato molto divertente.

Intervista a cura di Alessandra Bernardi

 

Pin It
This website uses the awesome plugin.