Pin It

Il 18 e 19 maggio scorsi si è tenuto a Napoli, presso la sede storica dell’Università di Napoli del magnifico Complesso dei SS. Marcellino e Festo, il primo Carnevale della Matematica dal vivo. L’evento era principalmente dedicato alle scuole superiori di secondo grado, ma in realtà era aperto a tutti: famiglie, genitori, insegnanti, semplici curiosi e appassionati di matematica. L’evento (per programma e altre informazioni vedete qui) è stato reso possibile dal supporto dell’Istituto Nazionale di Alta Matematica (INdAM), del Consiglio Nazionale delle Ricerche, con l’Istituto per le Applicazioni del Calcolo, dell’Università Federico II di Napoli e del suo Dipartimento di Matematica e Applicazioni, di Città della Scienza di Napoli, della rivista Archimede, e delle maggiori società scientifiche italiane: UMISIMAI e AIRO. Il Poster dell’evento era a cura di Symmaceo Communications  su un disegno di Tuono Pettinato. Ok, abbiamo finito i credits!

Ma queste cose le sapete già. Quello che non sapete, se non siete venuti (male!), è come è andata. Va bene, qualche cosa è trapelata qua e là, sia attraverso la

Pagina Facebook dell’evento

sia attraverso l’hashtag di twitter

#carnevaledellamatematica

Ma insomma questo Carnevale è stato alla fine molto di più. Intanto i ragazzi delle scuole: ce ne sono stati tanti, in alcuni momenti anche troppi, e crediamo che oltre a divertirsi, qualche cosina di interessante l’abbiano trovata, se non altro i laboratori, le animazioni, la Science in a box, un kit didattico dedicato alla matematica, progettato dall’Ufficio Comunicazione Informazione e Urp del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Francesca Messina e Luca Balletti). E certo anche il posto. Se non ci siete mai stati, vi consigliamo subito di andare a Napoli e farvi un giretto a una dozzina di minuti a piedi dalla stazione, in questo posto magnifico che è il Chiostro di San Marcellino. E poi certo, le conferenze, le chiacchiere, gli incontri tra persone, i divulgatori matematici, che spesso si conoscevano solo via web. Certo, davanti ad una bella pizza del Palazzo Petrucci a Napoli, discutere di matematica è tutta un’altra cosa!

E allora, senza voler fare un vero e proprio reportage, raccogliamo un po’ di tracce “elettroniche” di questo Carnevale.

Intanto nei giorni precedenti, vari media ne hanno parlato a partire dal comunicato stampa del CNR, a quello della Federico II di Napoli, a una trasmissione molto bella di Radio3 Scienza, fino alla pagina dedicata da Il Mattino di Napoli.

Poi qualche resoconto in realtà c’è già stato. Ha aperto il fuoco, mentre gli altri smaltivano la loro dose quotidiana di sfogliatelle, babà e pizza fritta, il solito stakanovista Maurizio “.mau.” Codogno nel suo blog Notiziole: Il Carnevale della matematica dal vivo: resoconto.

Ha risposto poco dopo Claudia Flandoli, con un post molto divertente: Carnevale della Matematica – Napoli 2018, un piccolo reportage della sua esperienza carnevalizia da cui prendiamo questa vignetta: “A quel punto è stato il turno…

Claudia Flandoli e i suoi compagni di presentazione

Molte delle cose che vorremmo scrivere si vedono bene nella gallery che pubblichiamo qui sotto. Però, prima di lasciarvi, vogliamo adempiere alla promessa di mettere un bel po’ delle presentazioni sul sito, sapendo che non faranno lo stesso effetto come dal vivo.

Slides delle presentazioni e laboratori (e anche qualcosa in più)

Laboratori a cura di Alumni Mathematica, una giovane organizzazione non profit di Bari impegnata nella divulgazione delle scienze matematiche, nella didattica innovativa e nella ricerca scientifica indipendente

Stefano Franco: “Arduino e coding: la didattica della matematica alternativa

Stefano Franco: “Teoria dei Giochi e arte della negoziazione

Animazioni nel chiostro a cura dell’associazione Culturale “Matematici per la città” formata un gruppo di laureati in matematica della Federico II di Napoli

 

Gallery (cliccare sulle foto per iniziare)

Pin It
this site uses the awesome footnotes Plugin