Anna Sciomachen

On March 5, 2014

Questo mese il nostro test di Proust - math reloaded è per Anna Sciomachen, eletta presidente dell’Airo nel settembre 2010. È professore ordinario di Ricerca Operativa presso il Dipartimento di Economia dell’Università di Genova, dove svolge il ruolo di Coordinatore del Consiglio di Corso di Studio del corso di Laurea Magistrale in “Economia e management marittimo portuale”.

1. Il tratto principale del mio essere matematico
Trovare applicazioni che necessitano matematica

2. La qualità che preferisco nella matematica
L’universalità del linguaggio matematico

3. Quel che apprezzo di più nei miei colleghi matematici
L’esposizione dei concetti in modo chiaro

4. Il mio principale difetto come matematico
Una certa fretta

5. La mia lettura matematica preferita
Molte, non una in particolare, a partire da Galileo

6. Il mio sogno come matematico
Avere una buona intuizione

7. Qual è la principale debolezza della matematica
Una forma di “pregiudizio” verso una scienza che conoscendola non si può che amare.

8. Il matematico che vorrei essere
Andiamo in là nel tempo: Eulero

9. Il paese dove vorrei vivere
L’Italia, sperando in un miglioramento etico

10. L’esercizio matematico che preferisco
L’esempio

11. Il teorema che amo
Il teorema fondamentale della Programmazione Lineare

12. L’applicazione della matematica che preferisco
Quasi tutte

13. I matematici che mi hanno indirizzato
Non matematici, ma amici

14. I matematici che mi hanno dissuaso
Qualcuno, ma non è riuscito!

15. 
Il nome della variabile che preferisco
Y

16. Il tipo di calcolo che preferisco
Semplice

17. Il tipo di calcolo che utilizzo di più
Equazioni e disequazioni

18. Il tipo di calcolo che mi annoia maggiormente
Le divisioni

19. I nomi matematici che preferisco (teorema, corollario, lemma…)
Definizione

20. L’impresa scientifica che ammiro di più
L'invenzione del personal computer

21. Il dono di natura che vorrei avere
Maggiore memoria visiva

22. Da matematico, come vorrei essere ricordato
Come una persona desiderosa di divulgare la matematica, soprattutto ai giovani

23. Stato attuale dei miei studi
Sto analizzando una variante di un classico problema di ricerca operativa in un nuovo contesto applicativo

24. Gli errori che mi ispirano maggiore indulgenza
Gli errori di calcolo, fatti per distrazione

25. Il mio motto
Se non si sacrifica niente, non si ottiene nulla

Luoghi comuni, curiosità et alia
Perché la ricerca matematica è maschile?
Perché ci sono troppi matematici uomini che pensano che pubblicare un articolo su una importante rivista scientifica abbia più valore di partorire un figlio


La matematica applicata cresce alla stessa velocità dei software matematici?
I software sono decisamente più indietro

Quanto conta lo studio nella risoluzione di grosse questioni matematiche?
Moltissimo, per tutti.

Quanto conta il formalismo?
Molto, l’importante è utilizzarne uno adatto.

Matematica e grammatica sono legate?
La matematica è un linguaggio, e come tale ha la sua grammatica.

Lei parla “matematica” correttamente?
A volte faccio confusione.

Quanto bisogna essere portati per riuscire in matematica? Per fare cosa bisogna avere meno di trenta anni?
Essere portati sicuramente aiuta, ma non è una condizione sufficiente. L’età per la matematica è come per tutte le altre cose.

Lei è portato? E da quando?
Più che portata ne sono affascinata, dai tempi della scuola media.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

this site uses the awesome footnotes Plugin