Un sorriso perfetto con... Fibonacci!

On February 4, 2010

Un dentista inglese ha decodificato la formula matematica intorno a cui ruota il “Codice Da Vinci” ed ha individuato la giusta sequenza dei numeri per creare ‘il sorriso perfetto’.

 

La sequenza individuata dal dentista inglese Tariq Idris può essere“il modello per la dentatura perfetta”: almeno questo è quello di cui è convinto lo stesso eccentrico dottor Idris, che ha trovato spazio sulle pagine del Daily Express.

“Stavo analizzando le foto dei sorrisi di alcuni clienti, confrontando il rapporto tra i denti, il sorriso e le gengive. Ho intuito che utilizzando la successone di Fibonacci avrei ottenuto uno schema per la perfezione”, ha dichiarato Idris, non senza una punta di compiacimento.

Proseguendo nella descrizione delle sue analisi, Idris ha spiegato che“individuando il motivo per il quale i vari sorrisi non riuscivano a superare il test della 'divina proporzione', ho dedotto dove poter intervenire per riparare i denti e le gengive, ottenendo così la corretta proporzione”.

Per creare il sorriso perfetto, dunque, pare che si sia servito delle ultime tecnologie disponibili, come software, laser e nanotecnologie. Adesso, grazie al suo lavoro, ogni suo paziente potrà avere un sorriso smagliante (e forse anche lui, dati i prezzi della sua, intuiamo, non proprio economicissima terapia…)

Leggi dalla fonte...

One Comment

  1. Francesco Di Noto

    05/12/2016 at 20:21

    Ottimo lavoro quello del dentista. Ma la bellezza femminile non si esaurisce solo nel sorriso. Ci sono le famose misure 60-90-60, con rapporto 90/60 = 1,5 prossimo al ben noto numero aureo 1,618. Ma 90 / 1,618 = 55,62 andrebbe ancora meglio esteticamente. Per l'altezza, suggerirei
    1,618 metri * 1,12 = 1,81 metri = altezza mezza bellezza, con 1,12 = quarta radice di 1,618. Aggiungiamo infine il sorriso di Fibonacci del dentista inglese, e avremo una bellissima donna , delizia per occhi maschili. A proposito, per noi uomini, purtroppo, la faccenda funziona solo per il sorriso, e non sempre. Pazienza... Francesco

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

this site uses the awesome footnotes Plugin