Quando la matematica è un incubo… il cervello va in tilt!

On April 22, 2012

A tutti forse sarà capitato almeno una volta nella vita di entrare in panico davanti ad un esercizio di matematica molto difficile. Durante un esame o un compito in classe, sale l’ansia ed alla fine la nostra mente non è più lucida. Uno studio americano ha spiegato perché.

 

Molte persone trovano difficoltà nello studio della matematica, difficoltà che spesso generano un vero e proprio terrore nei confronti di questa materia.  Quando la matematica e' un incubo, il cervello perde lucidità come in preda a una fobia, simile a quella dei serpenti o dei ragni. Uno studio americano, condotto da Vinod Menon della Stanford University School of Medicine, ha messo infatti in luce che il cervello di una persona che vede la matematica come un incubo, durante l’esecuzione di esercizi, entra in tilt. Infatti in questi casi si iperattivano le aree cerebrali relative alla paura e alle emozioni e, contemporaneamente, si inibiscono quelle della razionalità e del calcolo che governano la capacità di risoluzione dei problemi. Le ovvie conseguenze sono la perdita di lucidità e un crescente senso di ansia. Gli esperti hanno prima misurato il QI e le capacità cognitive di un gruppo di bambini di 7-9 anni e hanno valutato con questionari ad hoc chi di loro avesse “paura della matematica”. Poi li hanno sottoposti a semplici test aritmetici mentre il loro cervello era analizzato con la risonanza magnetica. Durante l'esecuzione delle operazioni, il cervello dei bimbi con l'incubo della matematica era dominato da ansia e paura con iperattivazione del centro delle paure, l'amigdala. Mentre funzionavano meno bene le aree deputate alla risoluzione dei problemi. La ricerca, pubblicata sulla rivista "Psychological Science", ha quindi dimostrato che in qualche modo i centri della paura mandano in tilt la razionalità e la capacità di calcolo e infatti, a parità di QI e capacità matematiche, i bimbi fobici hanno una performance molto più bassa ai test di calcolo cui sono sottoposti.   Secondo i ricercatori americani la fobia della matematica potrebbe dunque essere trattata con interventi mirati come si fa oggi per le altre fobie.

 

Alice Sepe

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

this site uses the awesome footnotes Plugin