La forma della pasta: descriviamola con un’equazione!

On February 10, 2012

La maggior parte delle persone che mangiano pasta possono godere del gusto o apprezzare la consistenza degli spaghetti cucinati al dente. Sander Huisman lo fa, ma poi si chiede anche quale sia l’equazione matematica che potrebbe descrivere la forma ondulata di ciò che sta mangiando...

 

Huisman, uno studente laureato alla University of Twente nei Paesi Bassi, spende la maggior parte dei suoi giorni utilizzando Mathematica, un software che risolve complessi problemi matematici e genera i grafici delle loro soluzioni.

“Io gioco molto con Mathematica,” ha detto.“Stavamo mangiando della pasta ed ero molto stupito di come facilmente queste forme potrebbero essere ricreate” con un programma al computer.

Così quella sera, dopo cena, Huisman scrisse le cinque righe o poco più del codice per Mathematica anche avrebbero generato la forma della pasta che aveva mangiato e una dozzina di altre. “La maggior parte delle forme sono molto facili da ricreare infatti”, ha aggiunto.

Ha pubblicato alcuni di questi codici sul suo blog, pensando che avrebbe fatto una specie rubrica mensile “la pasta matematica del mese” per tutto l’anno successivo. Ma si è poi dimenticato di loro fino a che qualcuno gli ha chiesto alcune ricette per altri tipi di pasta, e lui allora ha pubblicato sul suo blog anche le altre.

Huisman, che studia dinamica dei fluidi, non è l’unico che è stato inspirato dalla pasta. Molti anni fa, Christopher Tiee, un docente di calcolo vettoriale alla University of California di San Diego, incluse nelle sue note del corso un quiz in cui chiedeva agli studenti di collegare le forme della pasta con le equazioni che le descrivevano.

Nel frattempo, a Londra, due architetti Marco Guarnieri e George L. Legendre sperimentarono una simile epifania, anche loro mentre mangiavano pasta (spaghetti con aglio e olio, cucinati da Guarnieri). Allora Legendre pensò di fare molti in avanti arrivando a scrivere un libro di ben 208 pagine, “Pasta by Design,” pubblicato dalla casa editrice inglese Thames& Hudson, specializzata in libri d’arte.

“Noi eravamo interessati all’intreccio della matematica con la cucina – il sacro con il profano”, spiega Legendre.“La settimana scorsa, a Parigi, una persona con cui stavo parlando mi ha detto che ‘questo sarebbe potuto essere un progetto di Dali’ ”.

Il libro classifica i 92 tipi di pasta, organizzandoli all’interno di una specie di albero genealogico. Per ogni tipologia di pasta, il libro fornisce un’equazione matematica, un’immagine appetitosa e una sezione di suggerimenti culinari, come le salse con cui accompagnare la pietanza.

Il professore considera anche le trenette, una pasta a forma di tubo triangolare, una pasta un po’ strana.“La pasta rappresenta quasi un universo riflesso dove ogni cosa è pieghevole e bella. Ma in quell’universo c’è qualcosa che rimane fuori, ovvero le trenette con i loro angoli squadrati,” ha detto.

Legendre ha anche disegnato una nuova forma di pasta – ioli, chiamata così in onore della sua giovane figlia – che ha la forma di una striscia arrotolata su se stessa, come il nastro di Moebius. “Pensai che potesse essere carino avere una pasta chiamata come lei”, ha detto. Il professore sta cercando di ottenere una confezione di pasta ioli artigianale, ma questo probabilmente è ancora molto lontano dal realizzarsi a causa della difficoltà nel connettere tra loro le parti finali della striscia.

 

a cura di Alice Sepe

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *