Pin It

Cosa succede se Enrico Vaime, in uno dei suoi editoriali per la storica trasmissione radiofonica Black Out, parla in modo non del tutto lusinghiero della matematica, lamentando una presunta noiosità e inutilità di questa disciplina? Succede che l’UMI e Maddmaths! si mobilitano, prima scrivendo questo post e poi mandando e-mail alla direzione di Radio2 Rai e alla curatrice del programma, Lucia Mosca.

La risposta, da parte di entrambe, è sollecita e piena di comprensione per il disagio dei matematici, e si completa con la voce di Maria Di Biase, tra le conduttrici del programma e laureata proprio in Matematica (!) all’Università di Bologna, che il 15 dicembre scorso [qui il podcast della puntata] ai microfoni di Black Out dedica questo breve intervento alla questione (trascrizione editata dal minuto 32:27 nel podcast):

Maria Di Biase

[00:00:00] Maria Di Biase: “Ma prima di dare la linea al Gr 2, devo fare una rettifica a nome di Vaime. Allora Vaime nella puntata del 24 novembre nel suo editoriale ha parlato male della matematica, perché lui da ragazzo viveva molto male questa materia. Era abbastanza ciuccio e quindi vabbè ha fatto uno sproloquio in cui parla male dei logaritmi, delle equazioni. Dicendo: sono cose inutili e che la matematica non serve. Giustamente all’UMI, Unione Matematica Italiana, che è l’associazione di tutti i matematici italiani, si sono un po risentiti perché è vero è un po’ un banalizzare la materia suprema, la materia più bella e affascinante che ci sia. Dietro ogni cosa c’è matematica ed è vero io lo posso dire anche perché sono laureata in matematica all’Università di Bologna. E voglio chiudere con le scuse. Vaime non voleva offendere, ma è giusto poteva essere frainteso, lui ha fatto un editoriale che voleva essere ironico e non lo è stato per l’associazione matematici. Chiediamo scusa perché noi crediamo nel valore della matematica e voglio chiudere con la frase di Galileo Galilei: “Se l’uomo non sapesse di matematica non si leverrebbe di un sol palmo da terra. Questo è quello che pensano i ragazzi di Black Out ed Enrico Vaime.” [00:01:35]

 

Grazie a tutti. Tutto è bene quel che finisce bene.

 

Pin It
this site uses the awesome footnotes Plugin