I soldi ci salveranno dalla febbre suina?

On May 6, 2009

Un ulteriore aspetto negativo della crisi economica e della conseguente scomparsa del denaro, potrebbe essere il fatto che i soldi potrebbero servire a salvare vite umane. Non stiamo parlando della vita del suo possessore o di beneficenza, ma di un modello matematico in grado di predire la diffusione di una malattia, come l'influenza suina, proprio a partire dai 'viaggi' delle banconote.

I soldi rivelano infatti grandi informazioni sulle persone e su come viaggiano. Informazioni cruciali per ricercatori come Dirk Brockmann, che sta mappando il modo in cui la nuova influenza suina si sta diffondendo. Brockmann e colleghi Brockmann e colleghi hanno iniziato a creare modelli di pandemia nel 2004 dopo l'epidemia della SARS in Cina.

Il fisico della Northwestern University sostiene infatti che i movimenti monetari rispecchino i movimenti umani e permettano di scoprire dove le persone vanno, in questo modo permettendo di predire la diffusione della malattia. "Il computo dei soldi che circolano fra Los Angeles e New York potrebbe essere un indicatore delle persone che circolano tra queste due grandi città" spiega Brockmann.

Ma come tracciare i dollari? Con l'aiuto di un gioco in rete chiamato Where's George.com, che permette di inserire numero di serie della banconota e luogo in cui si trova il suo possessore.

Inizialmente, il sito non fu concepito per raccogliere informazioni scientifiche, ma il suo proprietario ha poi condiviso i dati raccolti con Brockmann. Questi, combinati con equazioni matematiche, hanno aiutato a creare una mappa in grado di predire i peggiori scenari di diffusione dell'influenza. E con gran velocità. Il modello ha mostrato che in quattro settimane circa 1700 americani potrebbero essere infettati dalla malattia. E circa 100 di questi potrebbero essere a Chicago. Tuttavia, il modello non prevede che qualcuno intervenga per fermare la malattia.
Ogni anno, la comune influenza uccide comunque circa 30 mila persone.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

this site uses the awesome footnotes Plugin