Pin It

Enrico Bombieri ha vinto il premio Crafoord in Matematica, primo italiano a ricevere questo riconoscimento.

Il Premio, che corrisponde a sei milioni di corone svedesi (poco meno di 600 mila euro), è assegnato annualmente dall’Accademia Reale Svedese delle Scienze in collaborazione con la Fondazione Crafoord di Lund. L’altro campo in cui quest’anno è stato assegnato il Premio Crafoord è l’astronomia, e il riconoscimento è andato a Eugene Parker, professore emerito all’Università di Chicago, Stati Uniti, e considerato lo scopritore del vento solare.

Bombieri, nato nel 1940 a Milano, è stato anche il primo italiano a vincere la Medaglia Fields (1974), ed è attualmente in forze all’Institute for Advanced Study di Princeton, Stati Uniti. Come si legge nella motivazione, riceve il premio “per i suoi contributi eccezionali e influenti in tutte le principali aree della matematica, in particolare nei campi della teoria dei numeri, dell’analisi e della geometria algebrica”.

Enrico Bombieri appartiene a quel ristretto gruppo di matematici in grado di risolvere problemi molto diversi, in quasi tutte le aree della matematica. La sua più grande passione, tuttavia, è da sempre la teoria dei numeri. Aveva solo 16 anni quando pubblicò il suo primo lavoro in teoria dei numeri e, tra le altre cose, è uno dei maggiori esperti dell’ipotesi di Riemann sulla distribuzione dei numeri primi. Oltre a essere arrivato a risultati significativi in algebra, geometria avanzata e analisi complessa, Bombieri ha anche contribuito a risolvere il Problema di Bernstein, una variante del problema di Plateau, che riguarda la descrizione matematica della forma della pellicola di sapone che si forma quando un telaio di filo viene immerso in una soluzione di sapone.

La cerimonia di consegna del Premio si terrà il 15 maggio in Svezia, a Stoccolma, alla presenza di Re Carlo XVI Gustavo di Svezia e della Regina Silvia.

Pin It
this site uses the awesome footnotes Plugin