Pin It

Chi l’ha detto che un dipinto solleciti solo le corde di un appassionato d’arte? O che un edificio faccia emozionare solo un architetto? Siamo sicuri che visitare una città d’arte gratifichi solo la nostra componente umanistica? E che i viaggi d’istruzione debbano riguardare soltanto la storia o la storia dell’arte? Anche la scienza può offrire spunti interessanti, o essere chiamata in causa in un contesto multidisciplinare. È abbastanza ovvio, per esempio, che la matematica sia uno strumento tecnico imprescindibile per discipline quali l’architettura e il design. Molto meno evidente è che possa rappresentare uno strumento “creativo”, in grado di fornire all’artista nuove ispirazioni e soluzioni originali. Eppure, questa visione è condivisa da molti artisti e architetti, di diverse epoche e discipline, ed è interessante scoprire questo punto di vista nelle opere cui siamo soliti guardare solo da un’altra prospettiva. Il nuovo libro di Silvia Benvenuti, che dovrebbe uscire a settembre con la casa editrice Edt, propone un viaggio in Italia in 12 itinerari, alla scoperta dei luoghi dell’arte che visiteremo però “con altri occhi”: quelli dello scienziato in genere, e del matematico in particolare.

Vai all’iniziativa #ioriparto della casa editrice Edt.

 

Pin It
this site uses the awesome footnotes Plugin