Pin It

Brevi consigli per letture matematiche da fare durante l’estate (e non solo!). Il Ciclo delle Fondazioni di Isaac Asimov, consigliato da Francesca Carfora. Su questa pagina puoi trovare tutte le letture consigliate finora.

PSICOSTORIA (dall’ENCICLOPEDIA GALATTICA)
Gaal Dornick, servendosi di concetti non matematici, ha definito la Psicostoria come quella branca della
matematica che studia le reazioni d’un agglomerato umano a determinati stimoli sociali ed economici.

Il mio consigio di (ri)lettura matematica è un classico… Nel caso in cui l’abbiate già letta, questo è un ottimo momento per rileggerla, come pure per consigliarla a chi non la conosce ancora: è in lavorazione una serie e mica vorrete perdere l’occasione di poter dire “era meglio il libro?”


Il teaser della serie

In effetti, il Ciclo delle Fondazioni è l’opera di fantascienza più popolare di sempre. Ha anche vinto, nel 1966, il Premio Hugo come migliore saga di tutti i tempi, superando anche Il Signore degli Anelli. Un po’ come Star Wars, nasce come una trilogia, per poi acquistare dei sequel e dei prequel. Il nucleo originale della storia risale al 1941, quando un giovane Isaac Asimov, affascinato dalla lettura di Declino e caduta dell’Impero Romano di Gibbon, propone al direttore di Astounding Science Fiction una serie di racconti che descrivono il crollo dell’Impero Galattico e la successiva fase di caos, fino alla nascita di una nuova civiltà.

Da quel nucleo ha origine un intero ciclo, comprendente i tre romanzi originari (pubblicati negli anni ‘50) e poi due romanzi che descrivono le origini del ciclo e altri due che ne costituiscono la conclusione. Complessivamente, un romanzo storico, i cui capitoli abbracciano quasi mille anni; un romanzo di avventure, di complotti, di scontri politici, di colpi di scena; una storia di fantascienza senza mostri alieni in cui la tecnologia rimane sullo sfondo.

Perché consigliarla qui? Perché il motore della saga è Hari Seldon, un matematico i cui modelli consentono di predire il crollo dell’Impero e, soprattutto, di intervenire per ridurre la durata della successiva età oscura attraverso la costituzione di una Fondazione di scienziati che possano tenere in vita la civiltà e contribuire alla nascita di un nuovo impero galattico. Ma non è tutto qui. Il campo di ricerca di Seldon è la psicostoria: se il comportamento del singolo è imprevedibile, quello di grandi masse di individui può essere inquadrato statisticamente in una serie di tendenze e la previsione è tanto più precisa quanto più vasta è la porzione di umanità osservata. E ovviamente (come noto negli studi di scienze sociali) il tutto regge finché la popolazione stessa non conosce le previsioni sul suo comportamento. O finché non compare qualche singolo elemento in grado di destabilizzare il sistema… La Seconda (e segreta) Fondazione, costituita da psicostorici, ha il compito, rimanendo nell’ombra, di guidare l’evoluzione dell’umanità verso la rinascita della civiltà.

Non poco come intuizione per un giovane biochimico (qual era Asimov) nel 1941… Buona lettura!

Francesca Carfora

Fondazione. Il ciclo completo
Isaac Asimov
Traduttore: Piero Anselmi, Gianni Montanari, Cesare Scaglia
Editore: Mondadori
Collana: Oscar draghi
Anno edizione: 2020
Formato: Tascabile
In commercio dal: 9 giugno 2020
Pagine: 1476 p., Rilegato

 

 

 

Francesca Carfora

Pin It
This website uses the awesome plugin.