Cervia 2017 - Coppa Kangourou e Coppa Junior

On May 19, 2017

Anno del Signore 2017, mese di maggio, giorno settimo, domenica mattina …

e se a Cesenatico il giorno prima era andata in scena la concitata finale a squadre delle Olimpiadi della Matematica, nella vicina Cervia, il giorno dopo, ci si infiamma per la Coppa Kangourou, riservata alle scuole medie, e per la Coppa Junior, riservata al biennio delle scuole superiori …

Coppa Kangourou

In una sede che indubbiamente ormai si è fatta decisamente stretta per l’interesse che suscita una gara a squadre, la mattina dello scorso 7 maggio ha preso il via la finale della Coppa Kangourou, di fatto la finale nazionale a squadre per le scuole medie di giochi matematici.

Il tifo è ammesso, ma purtroppo i tifosi sono relegati nel giardino esterno dell’albergo che è stato scelto come campo di gara, … sigh! Questo non toglie però ai numerosi tifosi al seguito delle squadre la voglia di incitare i ragazzi e gioire (o disperarsi!) al susseguirsi degli eventi … anche se lo devono fare armati di ombrello e separati da alcune finestre dai tavoli di gara, talvolta sgomitando per poter vedere qualcosa

Fin dall’inizio la gara di quest’anno pare dominata da una squadra, la Taliercio di Marina di Carrara, che, come ci hanno rivelato alcuni informatori segreti, si è duramente allenata per aggiudicarsi il titolo di reginetta. Pur con la difficoltà di una finale, dove i concorrenti son tutti forti e sempre molto agguerriti, la Taliercio gestisce indubbiamente bene la gara e porta così a casa il titolo con 689 punti. Onore e gloria al forte settebello carrarino che era composto da: Avio Baccioli (capitano), Valentina Gattini (consegnatore), Tommaso Coppelli, Gregorio Innocenti, Rym Cherif, Giacomo Manfredini e Gabriele Martini.

Marconi e Taliercio dopo la gara

Vicecampioni di Italia i magnifici sette dell’Istituto Comprensivo di Cernusco sul Naviglio, molto bravi anche loro, chiudevano la gara non troppo distanti con 618 punti.

Completava il podio, con un meritatissimo terzo posto, l’Istituto Comprensivo Terralba di Genova grazie ai suoi 545 punti.

Coppa Junior

Ed in parallelo alla Coppa Kangourou, per la prima volta andava in onda anche la finale della Coppa Junior. Plaudiamo lo staff del Kangourou per l’idea di mandare in scena una finale nazionale a squadre riservata ai ragazzi del biennio delle superiori, decisamente una gran bella novità.

Solo 12 erano le squadre allineate ai nastri di partenza, ma meglio così … fossero state di più sarebbero nati grossi problemi di spazio! Comunque possiamo tranquillamente affermare che le squadre VIP c’erano tutte (o quasi). Copernico, Calini e Leonardo di Brescia, Da Vinci di Treviso, Cassini di Genova, Marinelli di Udine un meritato rispetto lo incutono sempre … insomma possiamo dire “pochi, ma buoni”.

Pronti??? VIA!!! La gara parte! … e passano ben pochi secondi tra lo start e la prima consegna del problema 1 (giusto) da parte del Marconi di Carrara … l’unico problema dichiarato facile in modo ufficiale dalla giuria (gli altri non si sa, sono in disordine di difficoltà e manco stellati, sigh!). La gara prosegue ed i problemi risolti giusti continuano a fioccare, troppi … in troppo poco tempo! Il Marconi prende il largo … ma risulta chiaro al pubblico che c’è qualcosa che non va, evidentemente i problemi son troppo facili.

Premiazione Marconi

Siamo a 20 minuti di gara (e facciamo presente che nella Coppa Junior 25 sono i minuti concessi alle squadre per scegliere il Jolly, secondo noi decisamente troppi anche se i problemi fossero più difficili) quando rimane solo un problema jolly papabile! Cioè un unico problema non è ancora risolto da qualcuno ed è ancora in crescita, si parla del problema 3, che però viene scelto solo dal Marconi, dal Cassini e dal Tassoni di Modena … strano, … il problema incute rispetto?!? Boh!

Nel vivo della coppa Junior

Siamo a 40 minuti di gara, una gara che ne dovrebbe durare 90 di minuti, quando il Golgi di Breno finisce tutti i suoi problemi! “Ha vinto!”, penserete voi, … e invece no! A parte che qui non ci sono bonus per il “tutto finito” (a nostro giudizio un’altra pecca del regolamento da mettere a posto) il Golgi chiude con 625 punti e pagherà con il secondo posto i bonus mancati, gli errori fatti e l’errata scelta del problema jolly. Passano un paio di minuti ed anche il Marconi di Carrara chiude la sua gara, ma, al contrario del Golgi, il Marconi con 729 punti è matematicamente primo. Tanti punti bonus, pochi errori e la scelta del jolly sanciscono la schiacciante vittoria degli apuani capitanati da Fabio Bordigoni, consegnatore Federico Nicolai, componenti Alessandro Tedeschi, Pietro Pianini, Francesco Ottaviano, Luca Raffo ed Elisa Sabadini. Sono 3 ragazzi di seconda e 4 di prima, anche se (cosa davvero strana) il regolamento permetteva anche squadre formate da ragazzi tutti di seconda (forse un po’ troppi? Un max 5 di seconda a noi sembrerebbe più sensato).

La gara va comunque avanti e vedrà alla fine quasi tutte le squadre terminare tutti i problemi, con al terzo posto il Tassoni con 612 punti.

Dietro al Tassoni le altre squadre seguivano tutte ammassate nel seguente ordine: Calini di Brescia 556 punti, Leonardo di Brescia 552, Nievo di Padova 547, Da Vinci di Treviso 541, Paschini di Tolmezzo 525, Marinelli di Udine 495. Chiudevano infine il tabellone il Copernico di Brescia, il Cassini di Genova ed il Romita di Campobasso.

Al prossimo anno! Le due coppe torneranno in palio, quindi … “buon allenamento a tutti!”

Sandro Campigotto e Giuseppe Pezzica

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

this site uses the awesome footnotes Plugin